);

CHE COS’È UN’INTERFACCIA UTENTE CONVERSAZIONALE E PERCHÉ È IMPORTANTE?

Molti ricercatori ritengono che l’IA conversazionale sarà presto la prima priorità degli sviluppatori, superando in importanza i progetti cloud-native e mobili-first. I chatbot – costruiti su fondamenta di microservizi containerizzati e connettendosi a sistemi di back-end non sono solo un modo semplice per penetrare nelle interfacce di conversazione, sono un accenno alla costruzione e all’addestramento dell’intelligenza artificiale. Bene, cos’è un’interfaccia utente conversazionale?

Un’interfaccia utente conversazionale offre il privilegio di interagire con il computer in termini umani. È un cambio di paradigma rispetto alle comunicazioni precedenti ottenute inserendo comandi specifici della sintassi o facendo clic sulle icone. L’interfaccia di conversazione consente a un utente di dire al computer cosa fare. L’interfaccia utente conversazionale è più sociale nel modo in cui l’utente “contatta”, “invita” e “messaggi” rispetto alle app tradizionali di natura tecnologica in cui l’utente scarica e installa.

Riavvolgendo i giorni della BC, prima dell’arrivo dei chatbot, i clienti erano assistiti da commessi durante la loro visita in un negozio. La commessa ha utilizzato script predefiniti per rispondere alle richieste dei clienti. Avanti veloce verso l’AC, tempo dopo che i chatbots hanno colpito il mercato; chatbots su un sito web creano siti web di conversazione e interagiscono con il cliente nello stesso modo in cui un assistente di negozio avrebbe fatto in passato. L’interfaccia utente conversazionale ha due forme: l’assistente vocale che ti consente di parlare e i chatbot che ti consentono di digitare.

 

Un’occhiata agli assistenti vocali e ai chatbot

 

Giganti della tecnologia Amazon, Google, Microsoft e Google non hanno solo introdotto gli assistenti vocali, ma stanno anche rendendo più intelligenti gli assistenti vocali di giorno in giorno. Ciao Cortana di Microsoft, Ok Google di Google, Hey Siri di Apple e Echo di Amazon sono casi classici di assistenti vocali che rispondono all’utente con la voce. Gli utenti possono chiedere a questi assistenti vocali di mostrare il trailer di un film, prenotare tavoli in un ristorante, fissare un appuntamento tra le altre cose.

Sul fronte di Chatbot, Facebook M è un classico esempio che consente la comunicazione in tempo reale. Il chatbot umano-assistito consente ai clienti di fare diverse cose dal trasferimento di denaro all’acquisto di un’auto. Slackbot di Slack è un altro esempio brillante di chatbot. Questo chatbot umano-assistito consente all’utente di fare molte cose. Se c’è un rallentatore per pianificare le riunioni, c’è un po ‘di slackbot per tenere traccia della felicità dei colleghi e prendere gli ordini per il pranzo.

 

Perché le aziende scommettono in grande sull’interfaccia utente conversazionale?

C’è di più nell’interfaccia di conversazione rispetto al modo in cui riconoscono una voce. Le interfacce di conversazione hanno acceso l’interesse delle aziende presentando un’interfaccia intelligente. L’intelligenza non risulta semplicemente dalle parole riconosciute come trascrizione del testo, ma dall’ottenere una comprensione delle intenzioni del linguaggio naturale dietro quelle parole. L’intelligenza combina anche le tecnologie vocali, il ragionamento dell’intelligenza artificiale e la consapevolezza contestuale.

L’interfaccia è indipendente dalla piattaforma e funziona bene su desktop, smartphone e smartwatch. L’interfaccia utente conversazionale funziona bene anche su dispositivi che non dispongono di schermi, come quello di Amazon Echo. La caratteristica più allettante delle interfacce conversazionali è il modo in cui facilitano le esperienze senza attrito per un utente che lavora con un computer.

 

In che modo le interfacce di conversazione servono le aziende?

Apple, Facebook e Mattel hanno una cosa in comune. Hanno creato tutte le interfacce basate sulla conversazione supportate dai chatbots dell’IA che sono venuti bene per servire diversi scopi commerciali. Ieri le risposte dei clienti sono state una telefonata o una ricerca sul Web. Oggi è fuori di testa. Chatbot prende il suo posto nei prodotti di chat e funge anche da interfaccia stand-alone per gestire le richieste.

Prendi 1-800-fiori per esempio. Incoraggiano i clienti a parlare con un chatbot e ordinare fiori. La società sta ora sfruttando il meccanismo di ordinamento in lingua naturale tramite Facebook Messenger per renderlo possibile. Non è tutto. 1-800-Flowers ha avuto una sorprendente rivelazione che il 70% dei suoi ordini di Messenger proveniva da nuovi clienti una volta introdotto il chatbot di Facebook.

KLM, una compagnia aerea internazionale, consente ai clienti di ricevere la loro carta d’imbarco, la conferma della prenotazione, i dettagli del check-in e gli aggiornamenti sullo stato dei voli tramite Facebook Messenger. I clienti possono prenotare voli sul proprio sito Web e scegliere di ricevere messaggi personalizzati su Messenger.

Le interfacce conversazionali sono in aumento?

L’interfaccia utente conversazionale si sta evolvendo nell’interfaccia del futuro. La funzionalità di assistente alla conversazione resa disponibile tramite Dragon Mobile Assistant di Nuance, S-Voice di Samsung e Siri di Apple è solo l’inizio. Guardando al futuro, le strutture linguistiche e di ragionamento si fonderanno con i big data e l’apprendimento automatico per dare spazio a interfacce utente conversazionali che meglio comprendono le esigenze e le esigenze dei clienti, capire meglio il cliente e l’ambiente circostante.

Sempre più modelli di business trarranno beneficio dai chatbot. Le società di vendita al dettaglio, media che distribuiscono contenuti, ricerca e consulenza sono alcune delle industrie che guideranno il valore aziendale dai chatbot.

In conclusione, entreremo in una nuova era dell’informatica, dove i progressi nell’apprendimento automatico e nell’intelligenza artificiale stanno creando un risveglio di interesse nelle interfacce conversazionali e nell’elaborazione del linguaggio naturale, creando il potenziale per la conversazione come la nuova modalità di interazione con la tecnologia.

Per la maggior parte, il problema del riconoscimento dell’input vocale è stato ampiamente risolto, aprendo ora una nuova sfida: come costruire un’esperienza utente modellata sulla naturale conversazione umana.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi