COSA SONO GLI AGENTI VIRTUALI O CONVERSAZIONALI?

DEFINIZIONE

Un agente conversazionale è un programma software con intelligenza artificiale che interpreta e risponde alle dichiarazioni fatte dagli utenti in un linguaggio naturale normale. Integra le tecniche di linguistica computazionale con la comunicazione su Internet. Il termine agente conversazionale è un composto di due parole: conversazionale e agente. La parola conversazionale significa lo scambio di pensieri, opinioni, sentimenti e conversazioni. Deriva da una parola latina conversationem (nominativus conversatio) che significa “atto di convivere con”.  La parola agente risale alla fine del XV secolo che significa “colui che agisce”, dal latino agentem, participio presente di agere – “mettere in moto, guidare, guidare, condurre”. Il significato di “qualsiasi forza o sostanza naturale che produce un fenomeno” è stato registrato per la prima volta nel 1570.

UTILIZZO TIPICO
Il termine Conversational Agent viene utilizzato principalmente in un contesto accademico da scienziati e ingegneri che lavorano su questi sistemi per garantire un’interazione soddisfacente e pertinente con l’utente. Si concentrano sullo sviluppo di interattivi agenti conversazionali incorporati (ECA) e sul miglioramento dell’interazione uomo-computer verbale e non verbale.

Gli agenti di conversazione, mentre interagiscono con gli utenti umani, mostrano un comportamento intelligente aiutando gli utenti a utilizzare l’interfaccia, ponendo domande correttive e dando risposte pertinenti. Esse modellano il comportamento degli utenti utilizzando espressioni frasari alternative, coinvolgendo l’utente attraverso la visualizzazione dell’incarnazione e rispondendo all’influenza dell’utente attraverso il testo, la voce e il gesto.

Ada e Grace sono due agenti di conversazione brillanti e frizzanti al Museum of Science di Boston, come presentato nel video. Progettate per promuovere la consapevolezza e l’impegno del pubblico nei confronti dell’informatica e delle tecnologie di apprendimento emergenti, queste guide virtuali rendono più interessante la visita a un museo rispondendo alle domande dei visitatori, suggerendo mostre e spiegando la tecnologia alla base dei prodotti.

Cassandra, che è una manifestazione del motore di conversazione ejTalker, può servire come esempio di un agente di conversazione. Come puoi vedere su questo video, Cassandra ejTalker coordina tutti gli aspetti della conversazione: riconoscimento vocale, sintesi vocale e visualizzazione avatar. Ha una memoria persistente di precedenti stati e dati conversazionali, ereditarietà dei comportamenti di base e variazione della generazione di risposta.

Questo video rappresenta un tipico agente di conversazione commerciale, disponibile sul sito Web di Sony Ericsson, progettato per presentare prodotti, parlare di servizi e rispondere alle domande più frequenti degli utenti.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi