Come l’Intelligenza Artificiale può aiutare l’umanità contro il COVID 19

Come l’Intelligenza Artificiale può aiutare l’umanità contro il COVID 19

Come l’Intelligenza Artificiale può aiutare l’umanità contro il COVID 19 1920 1080 AND ITALIA

L’intelligenza artificiale può aiutare a combattere il coronavirus, se applicata in modo creativo. Sta però a noi identificare modi nuovi e innovativi per sfruttare ciò che può fare.

L’intelligenza artificiale ha il potenziale per aiutarci ad affrontare i problemi urgenti sollevati dalla pandemia di COVID-19. Non è la tecnologia stessa, tuttavia, a fare la differenza, ma piuttosto la conoscenza e la creatività degli umani che la usano.

In effetti, la crisi COVID-19 probabilmente esporrà alcune delle carenze chiave dell’Intelligenza Artificiale. L’apprendimento automatico dell’attuale forma di intelligenza artificiale funziona identificando i modelli nei dati storici di addestramento. Se usato con saggezza, l’IA ha il potenziale per offrire soluzioni più velocemente degli umani, anche e soprattutto utilizzando dati di addestramento che gli umani solitamente trascurano.

Tuttavia, i sistemi di intelligenza artificiale hanno bisogno di molti dati al fine di trovare questi schemi.

L’apprendimento automatico presuppone anche implicitamente che le condizioni attuali siano le stesse rappresentate nei dati di addestramento. In altre parole, i sistemi di intelligenza artificiale assumono implicitamente che ciò che ha funzionato in passato funzionerà ancora in futuro.

Cosa c’entra questo con l’attuale crisi? Siamo di fronte a tempi senza precedenti. La nostra situazione è nettamente diversa da quella di poche settimane fa. Parte di ciò che dobbiamo provare oggi non è mai stato provato prima. Allo stesso modo, ciò che ha funzionato in passato potrebbe non funzionare oggi.

Gli esseri umani non sono così diversi dall’intelligenza artificiale in questi limiti, il che spiega in parte perché la nostra situazione attuale è così scoraggiante. Senza precedenti esempi su cui attingere, non possiamo conoscere con certezza il miglior modo di agire. Le nostre assunzioni tradizionali su causa ed effetto potrebbero non essere più valide.

 

Il ruolo dell’uomo

Gli umani hanno comunque un vantaggio sull’intelligenza artificiale. Siamo in grado di apprendere informazioni da un sistema e applicarle a nuove situazioni, attingendo alla nostra capacità di astrazione per fare ipotesi su cosa potrebbe funzionare o cosa potrebbe accadere.

I sistemi di intelligenza artificiale, al contrario, devono imparare da zero ogni volta che il sistema o l’attività cambiano anche leggermente.

La crisi COVID-19, quindi, metterà in evidenza qualcosa che è sempre stato vero: l’AI è uno strumento e il valore del suo utilizzo in qualsiasi situazione è determinato dagli umani che lo progettano e lo usano.

Nell’attuale crisi, l’azione umana e l’innovazione saranno particolarmente critiche per sfruttare il potere di ciò che l’IA può fare.

Sia per gli analisti sia per i sistemi di intelligenza artificiale, ogni nuova informazione sulla nostra situazione attuale è particolarmente preziosa per determinare le nostre decisioni future.

Quanto più efficace siamo nel condividere le informazioni, tanto più rapidamente la nostra situazione non è più nuova e possiamo iniziare a vedere una strada da percorrere.

Progetti come il COVID-19 Open Research Dataset , che fornisce il testo di oltre 24.000 articoli di ricerca, la rete neurale ad accesso aperto COVID-net , che sta lavorando allo sviluppo collaborativo di un sistema per identificare COVID-19 nelle scansioni polmonari e un iniziativa che chiede alle persone di donare i propri dati anonimi , rappresentano importanti sforzi da parte degli esseri umani per mettere in comune i dati in modo che i sistemi di intelligenza artificiale possano quindi setacciare queste informazioni per identificare i modelli.

Gli esseri umani possono distinguere tra situazioni in cui è probabile che gli algoritmi falliscano e situazioni in cui i dati storici di addestramento sono probabilmente ancora rilevanti per affrontare questioni critiche e tempestive, almeno fino a quando non saranno disponibili ulteriori dati.

Tali sistemi potrebbero includere algoritmi che prevedono la diffusione del virus utilizzando i dati di precedenti pandemie o strumenti che aiutano le persone in cerca di lavoro a identificare le opportunità che corrispondono alle loro competenze . Sebbene la natura particolare di COVID-19 sia unica e molte delle regole fondamentali del mercato del lavoro non siano operative, è ancora possibile identificare strade preziose, sebbene forse accuratamente circoscritte, per l’applicazione degli strumenti di intelligenza artificiale.

 

La collaborazione è la chiave

Gli sforzi per sfruttare gli strumenti di intelligenza artificiale ai tempi di COVID-19 saranno più efficaci quando coinvolgeranno l’input e la collaborazione di umani in diversi ruoli.

I data scientist che codificano i sistemi di intelligenza artificiale svolgono un ruolo importante perché sanno cosa può fare l’IA e, cosa altrettanto importante, cosa non può fare.Abbiamo anche bisogno di esperti della materia oggetto di analisi che comprendano la natura del problema e possano identificare dove i dati di formazione passati potrebbero essere ancora rilevanti oggi.Infine, abbiamo bisogno di pensatori pronti all’uso che ci spingano a superare i nostri presupposti e possano vedere connessioni sorprendenti.

La startup Bluedot di Toronto a dicembre è stato uno dei primi a identificare l’emergere di un nuovo focolaio in Cina . Il suo sistema si basa sulla visione del suo fondatore, che credeva che fosse possibile prevedere le epidemie, e combina il potere di diversi strumenti di intelligenza artificiale con la conoscenza di epidemiologi che hanno identificato dove e come cercare prove di malattie emergenti.

Reinventare le regole è diverso dal infrangere le regole, però. Mentre lavoriamo per soddisfare le nostre attuali esigenze, dobbiamo anche tenere d’occhio le conseguenze a lungo termine. Tutti gli umani coinvolti nello sviluppo di sistemi di intelligenza artificiale devono mantenere standard etici e considerare possibili conseguenze indesiderate delle tecnologie che creano. Mentre la nostra crisi attuale è molto urgente, non possiamo sacrificare i nostri principi fondamentali per affrontarla.

Ci sono molti modi in cui gli umani superano ancora le capacità dell’IA. Gli incredibili progressi che l’IA ha fatto negli ultimi anni non sono una qualità intrinseca della tecnologia, ma piuttosto la testimonianza del fatto che gli umani siano stati incredibilmente creativi nel modo in cui usano uno strumento che è matematicamente e computazionalmente complesso e che alla base è ancora abbastanza semplice e limitato.

È solo la mano dell’uomo che consentirà all’intelligenza artificiale di essere il potente strumento per migliorare il mondo che ha il potenziale di essere.