Il segreto dell’efficienza di Amazon è l’equilibrio tra umani e robot

Il segreto dell’efficienza di Amazon è l’equilibrio tra umani e robot

Il segreto dell’efficienza di Amazon è l’equilibrio tra umani e robot 1476 767 AND ITALIA

“Se avessi detto a me a 10 anni che il mio lavoro ruoterebbe attorno ai robot ogni giorno, non avrei mai creduto in te”, ha detto Cathryn Kachura, uno degli “specialisti del controllo del flusso” che lavorano negli enormi centri di smistamento del colosso Amazon.

All’interno di Amazon, a Denver, Colo., “Centro di smistamento”, un esercito di robot arancioni – ognuno delle dimensioni di una grande valigia con un piccolo nastro trasportatore in cima – scivola sul pavimento di cemento, raccogliendo e consegnando i pacchi a una delle centinaia di scivoli che organizzano ogni articolo per codice postale prima che vengano spediti ai clienti.

Il vasto magazzino, che sembra abbastanza grande da raddoppiare come un hangar aeroportuale, è ufficiosamente noto come “autostrada robotica”.

Sebbene in gran parte sconosciuti al mondo esterno, i robot Pegasus, hanno già registrato oltre 1,5 milioni di miglia di guida, secondo un post sul blog di Amazon che descrive il lavoro all’interno del magazzino.

Amazon ha svelato Pegasus al suo primo incontro durante la conferenza MARS a Las Vegas ad inizio giugno.

È stato lì che Amazon ha rivelato che l’azienda ha già 200.000 robot che lavorano in dozzine di impianti di distribuzione in tutto il mondo.

“Ordiniamo miliardi di pacchetti all’anno”, ha dichiarato Brad Porter, vice presidente della robotica di Amazon.

“La sfida nella suddivisione dei pacchetti è: come si fa in modo rapido e preciso?

“In un mondo di Prime One Day, la precisione è super-importante”, ha aggiunto Porter.

“Se fai cadere un pacco da un nastro trasportatore, lo perdi per qualche ora, o lo smisti nella destinazione sbagliata, o peggio, lo fai cadere e danneggi il pacco ed il suo interno – noi non possiamo più mantenere la tempistica promessa al cliente. “

Amazon ha dichiarato di avere 40 centri di smistamento in tutto il mondo, sebbene i Pegasus funzioni solo in una piccola parte dei magazzini.

La società ha detto che prevede di introdurre le macchine in più centri di smistamento.

Nonostante la presenza di circa 800 robot a ruote, il magazzino di Denver si basa anche e soprattutto sui lavoratori umani.

Alla domanda su quanti lavoratori siano impiegati all’interno di strutture di smistamento come il magazzino di Denver, Amazon ha affermato che è difficile ottenere numeri precisi, che variano a seconda della stagione.

La società ha detto che è anche difficile rivelare il numero di lavoratori impiegati all’interno di magazzini senza robot.

Amazon ha detto che stanno ancora assumendo esseri umani per i centri in cui i robot sono operativi e continuerà a farlo.

Le posizioni possono essere manager di area o tecnici di manutenzione o ingegneri della sicurezza o assistenti ai robot, che sono addestrati a salire sull’autostrada per riparare un robot o raccogliere pacchetti che potrebbero essere caduti a terra.

Il “centro di smistamento” di Denver è gestito da cinque “specialisti del controllo del flusso” come Cathryn Kachura, che si affidano a software per supervisionare i pacchetti in entrata e in uscita.

Il processo di consegna inizia quando un robot arriva in una stazione in cui un impiegato umano analizza un pacco e lo posiziona sopra la macchina.

Una volta che il robot intraprende un percorso programmato, le telecamere di bordo aiutano il robot a evitare gli ostacoli in rotta verso uno scivolo, un viaggio che richiede circa due minuti.

Il traffico intenso è monitorato dagli specialisti del controllo del flusso, che possono accedere alle informazioni in tempo reale sul volume fluttuante dei pacchetti che si muovono attraverso l’edificio.

I lavoratori possono identificare aree di congestione nel magazzino o robot spot che non funzionano correttamente.

Ecco il segreto di una impeccabile efficienza: un ecosistema lavorativo in cui robot e umani coesistono e si aiutano per tornare tutti a casa col minimo stress possibile.

Tranne i robot. Loro rimangono lì.