Alexa? Google Assistant? Cosa scegliere per la tua azienda?

Alexa? Google Assistant? Cosa scegliere per la tua azienda?

Alexa? Google Assistant? Cosa scegliere per la tua azienda? 700 301 AND ITALIA

Amazon Echo? Alexa? Google Home? Google Assistant? Cosa scegliere per la tua azienda?

Parliamo sempre più spesso dei cosiddetti smart speaker, ovvero di applicazioni vocali e dispositivi abilitati alla conversazione. Quindi oramai dire “Ok Google” “Hey Siri”, o “Alexa” non è più una novità.

Non lo è nemmeno possederne uno in casa o in ufficio, osservando i dati di mercato e le crescenti attività promozionali a riguardo.

La cosa più importante da sapere è che oggi è possibile creare un’assistente vocale personalizzato per la tua azienda.

Quindi puoi avere un assistente personale con cui far interagire i tuoi clienti, dare informazioni, creare engagement, fornire un servizio di customer care innovativo.

Ma quali scegliere per la propria azienda? Ecco una rapida panoramica per comprendere meglio le varie soluzioni disponibili oggi sul mercato.

Inizieremo con i prodotti Amazon, poi parleremo dei prodotti Google e infine vorrei menzionare in breve anche l’HomePod di Apple.

Indubbiamente l’uscita di Amazon prima di Google ha portato a un’imponente quota di mercato del 94% alla fine del 2016. Tuttavia, da allora Google Home ha mostrato una crescita del mercato, raggiungendo poco più del 34%. Alcune previsioni mostrano che Google Home prenderà il controllo di Amazon Alexa entro il 2022 .

trend mercato alexa google

Chi o cos’è Alexa?

Alexa è il cosiddetto “cervello dietro la macchina”. Alexa è il servizio vocale dietro Amazon Echo, con cui parliamo e (potenzialmente) conversiamo. Alexa ha iniziato rispondendo ai semplici comandi degli utenti sulle attività domestiche, come accendere le luci o aprire la porta del garage, ma nel tempo Amazon ha aperto Alexa ad altri sviluppatori, consentendo loro di sviluppare “Skills di Alexa”.

Le Skills di Alexa sono semplicemente applicazioni che attivano Alexa e sono connesse ai dispositivi Echo. Alexa è basato su cloud ed è già disponibile su decine di milioni di dispositivi Amazon, oltre a quelli di produttori di dispositivi di terze parti. Nel marzo 2018, il numero di abilità su Amazon Alexa ha superato i 30.000! Con molti sviluppatori che desiderano sfruttare queste funzionalità di assistente virtuale in rapida crescita, Amazon ha conquistato sia il mercato degli altoparlanti intelligenti (80% del mercato) sia il mercato delle applicazioni.

Amazon Echo

Amazon Echo, spesso abbreviato e indicato come Echo, è un marchio di altoparlanti intelligenti sviluppato da Amazon. Alcuni rapporti affermano che Amazon ha sviluppato dispositivi Echo dal 2010, come parte dei suoi primi tentativi di espandere il suo portafoglio di dispositivi oltre il Kindle (https://en.wikipedia.org/wiki/Amazon_Echo).
Amazon Echo di prima generazione, rilasciato nel 2015, è costituito da un altoparlante a cilindro alto 23,5 cm, con un array di microfoni a sette pezzi e richiede una connessione Internet wireless per funzionare.
Nella modalità predefinita, il dispositivo ascolta tutti i discorsi, in attesa di una “parola di attivazione”  da pronunciare, appunto, per attivare il dispositivo.

I microfoni di Echo possono essere disabilitati manualmente premendo un pulsante mute per disattivare l’attività di elaborazione dell’audio.

Oggi siamo arrivati alla terza generazione, disponibile in commercio qui

amazon echo

Echo Dot

Nel marzo 2016, Amazon ha introdotto una versione più piccola di Amazon Echo, coniata come Amazon Echo Dot (ha la forma di un disco da hockey), con lo scopo di renderlo più facile da usare nelle camere da letto in alternativa all’eco a grandezza naturale.

A parte le sue dimensioni, Amazon ha affermato che non ci sono differenze tra Amazon Echo e Dot originali.

Detto questo, è stato notato che l’altoparlante full size di Amazon Echo è più potente, mentre Dot è più sensibile ai rumori di fondo.echo dot

In commercio a 24,99 Euro  qui

Eco Show

Nel maggio 2017, Amazon ha presentato Echo Show, portando gli schermi sui dispositivi vocali. Con uno schermo LCD da 7 pollici e da 10 pollici, Echo Show ha srotolato nuove funzionalità come la riproduzione di contenuti multimediali (una delle azioni più utilizzate è stata la riproduzione di YouTube durante la riproduzione di contenuti multimediali, quindi, come risposta Google ha disabilitato YouTube sul dispositivo Show solo pochi mesi dopo) e effettuare videochiamate.

Acquistalo qui

GOOGLE HOME

Google Home è il marchio di altoparlanti intelligenti sviluppato da Google. Il primo dispositivo è stato rilasciato negli Stati Uniti a novembre 2016.

I dispositivi di Google Home, proprio come i suoi concorrenti, consentono agli utenti di pronunciare comandi vocali per interagire con i servizi.

Il voicebot dietro Google Home, che assume la forma di un assistente personale intelligente, si chiama Google Assistant. Google Assistant è disponibile anche sulla maggior parte dei nuovi telefoni Android e può essere scaricato sui dispositivi Apple.

Allo stesso modo di Amazon Alexa, Google Home offre applicazioni interne e di terze parti chiamate “azioni”. Le azioni consentono agli utenti di interagire con Google Home interamente con la voce. Anche i dispositivi Google Home sono concepiti per il supporto dell’automazione domestica, consentendo agli utenti di controllare gli elettrodomestici intelligenti con la propria voce.

Il prodotto originale ha una forma cilindrica, con LED di stato colorati nella parte superiore per una rappresentazione visiva del suo stato. La copertura sopra la base è modulare, con diverse opzioni di colore offerte attraverso Google Store, che hanno lo scopo di aiutare il dispositivo a fondersi con l’ambiente.

Nell’ottobre 2017, Google ha annunciato due aggiunte alla gamma di prodotti: Google Home Mini e Google Home Max.

GOOGLE HOME MINI

Google Home Mini è stato annunciato e rilasciato alla fine del 2017. Rispetto a Echo Dot, Google Home Mini è per molti versi proprio come il suo concorrente, con la stessa funzionalità complessiva ma solo in una dimensione più piccola, a forma di ciambella di 10 cm. Google commercializza la Mini con lo slogan

“Dimensioni di una ciambella. Potenza di un supereroe”.

GOOGLE HOME MAX (ancora non disponibile in italia)

Questa è una versione più grande di Google Home, con altoparlanti stereo, un connettore audio e una USB. Con l’obiettivo di combattere contro HomePod di Apple, Home Max include Smart Sound, un sistema audio adattivo che utilizza l’apprendimento automatico per regolare automaticamente l’uscita audio in base a fattori come l’ambiente e l’ora del giorno.

GOOGLE HOME NEST HUB

Questa è una versione con display, del tutto analogo alla concorrenza Amazon, con schermo 7 pollici e altoparlanti,  adatto per la riproduzione di video su Youtube, come cornice digitale e per tutti gli elementi in cui la visualizzazione è importante.

google nest hub

In vendita qui

APPLE HOME POD

HomePod è l’altoparlante intelligente di Apple. È stato annunciato il 5 giugno 2017 e rilasciato all’inizio del 2018.

Apple ha affermato di aver ritardato il rilascio in quanto stava investendo i suoi sforzi in capacità di altoparlanti uniche.

Senza dubbio, gli altoparlanti HomePod sono molto meglio degli altri. Tuttavia, con un costo sostanzialmente più elevato ($ 350 rispetto a $ 30- $ 80 per i suoi concorrenti), insieme alla sua funzionalità minima, HomePod sta perdendo la battaglia.

Molte persone sostengono che Apple, che ha aperto la strada al mercato vocale con Siri, ha finito per perdere il mercato degli altoparlanti intelligenti.

Apparentemente, avere Siri, il voicebot di Apple, distribuito su ogni dispositivo iOS non è stato un trampolino di lancio abbastanza buono da conquistare il mercato degli altoparlanti intelligenti sin dall’inizio.

Questo rientra nella filosofia di Tim Cook, CEO di Apple, il quale afferma che “Apple si preoccupa meno di essere il primo e si preoccupa di più di essere il migliore”.

Tuttavia, anche dopo la sua uscita, i critici erano molto meno entusiasti di HomePod. Mentre le capacità audio di HomePod sono molto migliori rispetto ai suoi concorrenti, molte persone affermano che semplicemente non è abbastanza intelligente.

A differenza dei suoi concorrenti, Apple ha anche adottato un approccio più chiuso, consentendo agli sviluppatori di sviluppare funzionalità minime all’interno di un ambito chiuso di opzioni preconfigurate. Ciò significa fondamentalmente che le aziende possono solo connettere le loro API a funzionalità specifiche, piuttosto che sviluppare un’esperienza utente unica con i propri clienti.

Vuoi avere il tuo Google Assistant Personalizzato?  Clicca qui